lunedì 27 febbraio 2017

Smith Island Cake, per il Club del 27!


La torta che ho sempre sognato di fare è questa, mai e poi mai mi sarei messa all'opera se non  fossi stata trascinata da questo gruppo di coraggiosi (e un po’ matti) individui!
Un gruppo che ama cucinare e che lo fa assieme, condividendo "gioie e dolori" di ogni ricetta. Un gruppo dove ci si  consiglia e  ci si confronta, e dunque dove si può imparare tanto.
Questo club del 27, nasce dall'ennesima idea dell'Ale, e sono sicura che sarà un successo, proprio per la sua voglia di fare, la sua capacità di coinvolgere e soprattutto di organizzare.
Questo mese il giorno 27 festeggeremo  con le torte americane e quindi mi sono tolta questo sassolino dalla scarpa provando a cimentarmi in questa scenografica torta!

La Smith Island Cake, o torta dell’isola di Smith, prende nome dal suo sito d'origine, la piccola  isola del Maryland, accessibile solo tramite mare.
Si tratta di una torta composta tanti sottili strati (possono essere da 6 a 15) farcita e ricoperta di crema al cioccolato cotta, è anche chiamata anche “frosting con la torta”, per sottolineare quanto la pasta dovrebbe essere sottile rispetto alla farcitura.
Nel 2008 è stata riconosciuta “dolce ufficiale dello Stato del Maryland” e l’anno successivo un gruppo di abitanti dell'isola ha fondato una compagnia, The Original Smith Island Cake Company, che produce e spedisce in tutti gli Stati Uniti le sue torte tipiche, queste vengono prodotte in qualsiasi periodo dell'anno infatti il suo consumo non è legato a nessuna ricorrenza in particolare.
Seguendo il post di Loredana e Valentina, prepararla è stato più semplice del previsto, la ricetta è perfetta, in un'oretta si preparano tutti gli strati, è sufficiente essere un poco organizzati.
Per la crema invece ho avuto qualche problema, come diceva anche Loredana, a sciogliere lo zucchero, penso che sia difficile sciogliere così tanto zucchero nel latte condensato, è proprio una questione chimica, così ho iniziato ad aggiungere l'acqua bollente, stravolgendo la preparazione indicata e il risultato è migliorato notevolmente, in fondo quell'acqua ci vuole proprio per diluire tutti questi zuccheri!
A parte questo piccolo particolare la torta è favolosa e nemmeno così impegnativa da preparare, è sicuramente più impegnativa da degustare visto l'altezza (13 cm) e gli ingredienti.
La consiglio a chi deve festeggiare qualcosa di speciale, è davvero da Porca Figura!!!





Ingredienti: tortiere diam 22cm
per la torta
226g  burro non salato a temperatura ambiente
400g tazze di farina 00
¼ di cucchiaino di sale
5g di lievito per dolci
400g di zucchero Zefiro
5 uova grandi a temperatura ambiente ( circa 300 gr)
170g di latte condensato
1 bacca di vaniglia (semini)
100ml di acqua

per la glassa

570g di zucchero zefiro
140g di latte condensato
200g di cioccolato fondente tritato
160g di burro non salato
1 bacca di di vaniglia (semini)
10/12 cucchiai di acqua bollente


Stampi usa e getta 22 cm di diametro ( per me 8 ), imburrati e infarinati o trattati tramite pennello con questo composto.

Preriscaldare il forno a 180°.
Setacciare la farina, il sale e il lievito.
In un mixer lavorare a crema il burro e lo zucchero, fino ad avere un composto ben montato.
Unire le uova uno alla volta e far inglobare bene prima di aggiungere il successivo.
Abbassare la velocità al minimo e unire gli ingredienti secchi setacciati, un po’ alla volta.
Sempre a bassa velocità unire il latte condensato, la vaniglia e l’acqua.
Versare 3 cucchiai di composto in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere 2 stampi alla volta per 8’-9’.
Controllare la cottura, non devono gonfiare, né scurire troppo.
Ho utilizzato il forno in modalità ventilata per i primi 3’ passando poi a quella statica, ho prolungato la cottura di un paio di minuti.
Sfornare e lasciar raffreddare, proseguire con gli altri stampi.
Una volta ottenuti tutti gli strati rimuoverli delicatamente dallo stampo, rovesciandoli su della pellicola e NON sovrapponendoli. Conservare in frigo fino al momento di assemblare la torta.
Può capitare che qualche strato si rompa , non preoccupatevi, una volta ricomposta la torta, non si noterà.


Unire lo zucchero al latte condensato, portare su fuoco medio-basso, aggiungere 8 cucchiai di acqua bollente, far sciogliere, mescolando (vista la concentrazione degli zuccheri si fatica a far sciogliere lo zucchero, penso però che questa consistenza leggermente granulosa sia tipica della torta).
Aggiungere il cioccolato tritato e il burro a pezzetti, mescolando fino a far sciogliere tutto.
A questo punto inserire il resto dell’acqua bollente, per ottenere una consistenza liquida e cremosa, regolatevi considerando che occorrono circa 10’ di cottura.
Al termine, lontano dal fuoco , aggiungere la vaniglia. Utilizzare subito perchè la glassa tende a indurirsi velocemente.

Assemblare la torta:
Poggiare su un piatto della stessa misura della torta un primo disco di pasta e versare 3 cucchiai di glassa, sovrapporre il secondo disco e glassare, continuare così fino ad aver esaurito tutti gli strati.
Una volta ricomposta la torta glassare tutta la superficie e i bordi laterali lasciando scolare la glassa in eccesso (lateralmente visto la mia difficoltà nel glassare, ho deciso di rendere irregolare la glassa passando un coltello a lama alta, cercando di formare delle onde).
Nel giro di un paio di ore  o anche meno, la glassa asciugherà.
Ora è possibile spostarla sul piatto da portata.
Si conserva bene a temperatura ambiente.

Questa torta è stata confezionata per Il Club del 27, tessera n.31: PRESENTE!!!
Banner di Francy

25 commenti:

  1. Caspita che torta, anzi tortona! Una fetta da sballo :)
    Complimenti!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Mamma mia tutti quegli strati!!!! Buonissima! Un bascione e buona settimana

    RispondiElimina
  3. Molto ben riuscita. Complimenti.
    Farò sicuramente tesoro della dritta sull'acqua da aggiungere alla glassa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Meravigliosa Elena sei bravissima. Buona settimana

    RispondiElimina
  5. Caspita che impegno per questo spettacolo di torta! Bravissima Elena

    RispondiElimina
  6. come h scritto di là, penso tu sia stata mite, io non ce l'abrei fatta, questa era tosta e te ne sei usita alla stragrande! perfetta!!!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia! Io non oso affrontare queste torri...la mia penderebbe cone quella di Pisa!!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
  8. Anche io ho fatto la Smith! La tua è bellissima!

    RispondiElimina
  9. La perfezione fatta a torta... :-)

    RispondiElimina
  10. ragazza tu sì che sei una temeraria e sostieni che basta solo organizzarsi ...? io per fare una meraviglia del genere avrei bisogno di un corso di pasticceria altro che di organizzazione. uno spettacolo

    RispondiElimina
  11. ciao cara compagna di torta gemella, :D questa è davvero felice di averla scoperta grazie ad MTChallenge e sono contenta di far parte di questa bellissima avventura.
    complimenti anche a te per la pazienza.
    un bacio cara

    RispondiElimina
  12. La mia ammirazione sincera per una torta che in realtà sono 8!!!
    complimenti davvero!

    RispondiElimina
  13. Sono due giorni che ammiro la tua torta e la perfezione con cui l'ha composta è veramente deliziosa e sicuramente golosissima. Bravissima veramente

    RispondiElimina
  14. bellissima, perfetta negli strati, cremosissima! Complimenti sinceri!

    RispondiElimina
  15. Quanti strati Elena! Uno spettacolo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. E la mia amica che abita lì,proprio di fronte L' isola non ne e' a conoscenza..... mariiiiiiiaaaaaa devo bacchettarla malamente... bella lo e' ma io vedo sempre Il lato goloso delle torte... e questa ne ha Tanti assaiiiii assaiiii

    RispondiElimina
  17. Stupenda, una torta favolosa da grandissima figura in un'interpretazione perfetta!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  18. Chiedo umilmente perdono per non essere mai capitata qui da te prima d'ora, ma da adesso sei nella mia lista dei Preferiti, sappilo!!! Ho visto cose che voi umani!!!!

    RispondiElimina
  19. Un grattacielo di libidine! Dovrò farla, prima o poi...

    RispondiElimina
  20. Una torta che più che torta è un grattacielo. Una meraviglia, difficile da realizzare con una precisione così totale, anche in tutti quegli strati. Chapeau alla bravura e anche al sangue freddo!

    RispondiElimina
  21. In poche avete fatto questa torta. L'aspetto è decisamente ben riuscito. Brava anche per la pazienza, la cottura di tutti gli strati non è da tutti! Sinceri complimenti!

    RispondiElimina
  22. Ecco, agli stampi usa e getta io proprio non avevo pensato, mi hai dato una dritta fantastica. Questo dolce mi ricorda tantissimo un dolce a strati che facevo da ragazzina, quando ero in Germania, però li usavo i biscotti secchi :-P
    e' sicuramente un dolce da provare e la tua realizzazione è perfetta.

    RispondiElimina
  23. Una torre golosa, la segno nella "to do list"! Complimenti!

    RispondiElimina
  24. Bella, tutti quegli strati mi piacciono tantissimoooo!!!!

    RispondiElimina
  25. ammetto che tutti questi strati mi fanno un pò paura, io non sono brava a farli così perfetti, ma è di un goloso!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!